AZIENDA AGRICOLA CARENZIO :: RISO PAVIA

PER CONOSCERE MEGLIO IL RISO

Sottomenu

Storia del riso | Ricette | Curiosità sul riso

Storia del riso

Frontespizio del libro di Gian Battista Spolverini, intitolato La coltivazione del riso, nell’edizione stampata a Verona nel 1758

Da sempre il riso è considerato un alimento nobile e prezioso ed è un cereale naturale per eccellenza.
Elemento fondamentale per combattere alcune malattie come la celiachia, viene utilizzato nella cosmesi ed è fonte importante di energia alternativa con i suoi sottoprodotti come la lolla e le paglie.

La lunga marcia del riso per arrivare alla penisola italiana dura millenni.
Le sue origini non sono certe, comunque nel mondo greco-romano per molti secoli il riso è stato considerato solo alla stregua di una spezia estremamente costosa e quindi da usarsi con parsimonia e in occasioni particolari oppure come medicamento. Questa fama il riso la mantenne anche nel Medioevo.

Arriva in Europa verso il ’300 dopo carestie e pestilenze. In Italia Ŕ portato dagli arabi verso il ’400.
La coltivazione nella pianura Padana inizia quando il Duca di Milano Gian Galeazzo Sforza comprende l’alta resa di questo cereale, infatti da un sacco di semente se ne ottengono ben dodici di riso. A questo punto decide di donarlo ai Duchi di Ferrara e da qui inizia il suo felice cammino essendo la pianura padana un luogo ideale per questo tipo di coltivazione perchè il riso Ŕ una pianta di origine botanica tropicale che per crescere bene ha bisogno di temperature e umidità adeguate.

Il nome botanico del riso Ŕ Oryza sativa.
In Italia ne coltiviamo diverse qualità, alcune delle quali tutto il mondo ci invidia come il carnaroli, l’arborio, il vialone nano e il baldo.

Pagine correlate